Agenda 2016: l’azione confederale per impresa, territorio e mercati - Agrimpresaonline Webzine

Agenda 2016: l’azione confederale per impresa, territorio e mercati

Marzo 2016

La Cia Agricoltori Italiani di Reggio Emilia ha tenuto il 24 febbraio scorso la propria assemblea annuale provinciale presso il Museo Cervi a Gattatico: un’occasione per una riflessione approfondita sullo stato dell’agricoltura e sulle necessità delle imprese, quindi anche per prendere in esame l’Agenda politica per il 2016 di Cia.

Dopo l’approvazione del bilancio preventivo dell’associazione provinciale, illustrato dal direttore Annamaria Mora, il presidente provinciale Antenore Cervi ha illustrato l’Agenda, sulla quale si è soffermato nelle conclusioni il presidente nazionale Secondo Scanavino.

La nostra agricoltura, ha ricordato Scanavino, sconta le difficoltà generali, con particolari accentuazioni in alcuni settori come la zootecnia. C’è una difficoltà competitiva che va affrontata su vari piani: anche se abbiamo prodotti come vini e formaggi che trainano intere filiere, manca reddito sufficiente. Per riuscire a realizzarlo occorre rendere più riconoscibile la produzione nazionale, senza assurde guerre ai prodotti esteri, ma valorizzando l’origine italiana, la qualità dei prodotti stessi ed il legame con il territorio. La Cia, in questo quadro può aiutare le imprese su diversi piani, dall’aggregazione, all’essere strutturalmente ‘leggera’ per non pesare eccessivamente sui soci, all’alleggerimento burocratico.

Il presidente si è poi soffermato sul ‘problema nazionale’ dei selvatici e dei danni che causano e sul rapporto di Cia con la politica: “siamo collaborativi ma non consociativi”, giudichiamo in base ai fatti e sul latte siamo al limite, subito fatti concreti o presto partiranno azioni più incisive.

Il presidente provinciale Cervi, nell’introdurre i lavori ha ricordato il valore di Agrinsieme: la soppressione di Imu agricola e Tasi è stata una battaglia esclusiva del coordinamento Cia-Confagricoltura-Copagri e Aci agroalimentare. Sempre parlando di Agrinsieme, Cervi ha affermato che lo scontro voluto con motivazioni oscure e confuse dalla gestione commissariale di Coldiretti nelle elezioni per la bonifica Emilia Centrale (che peraltro nell’ambito provinciale è uscita sconfitta) ha avuto come fattore positivo il cementare l’unità del coordinamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat