Aziende protagoniste Archivi - Pagina 2 di 6 - Agrimpresaonline Webzine

“E-commerce e cura dell’immagine dell’azienda sempre più importanti”

Saverio-Delsante

Cristian Calestani

PARMA – Sul piano lavorativo tutto è rimasto come prima della pandemia, tanto che le 140 vacche della Società agricola Delsante Elvezio e Saverio di San Lazzaro (Parma) sono state munte ogni giorno ed il latte trasformato in Parmigiano Reggiano, come sempre, al caseificio San Pier Damiani. Ma appena oltre i confini aziendali il mondo, alle prese con la pandemia del Covid-19, è cambiato.
E con lui anche il modo di far conoscere la propria realtà imprenditoriale, specie se, come nel caso del caseificio San Pier Damiani, si è deciso di puntare molto sulla vendita diretta e sul turismo incoming.

Continua a leggere

Con il lockdown si è rafforzato il rapporto con la comunità

consegna a domicilio

Emer Sani

Forlì-Cesena – Reinventarsi è la parola d’ordine per la ripresa, anche in agricoltura. “Con la crisi che è derivata dall’emergenza sanitaria – dice Matteo Pagliarani, presidente Agia-Cia Romagna – un po’ tutto il settore agricolo ha sofferto e, in maggior parte, a risentirne sono gli agriturismi. Ma se è vero che è il settore più colpito, è anche vero che le aziende agricole possono fare leva sulla loro multifunzionalità. Dall’oggi al domani post Covid, ci siamo trovati a dedicarci maggiormente al nostro settore primario, siano gli allevamenti, la viticoltura, la campagna orticole e, di conseguenza, a curare di più la produzione e la produttività dei prodotti”.

Continua a leggere

“La distanza dai centri abitati ha bloccato la vendita diretta”

SilviaLupi

Claudio Ferri

CORTE BRUGNATELLA (Piacenza) – Non è facile raggiungere Fossoli, località Appenninica nel comune di Corte Brugnatella, in alta Val Trebbia. Dal capoluogo piacentino serve un’oretta d’auto per raggiungere ‘La Rocchetta’, l’azienda agricola condotta da Silvia Lupi, giovane agricoltrice che ha scelto di dare seguito alla attività di famiglia.

Continua a leggere

Gli investimenti delle nuove imprese a rischio con il Covid

valeriavillani

Luca Soliani

GUALTIERI (Reggio Emilia) – “I giovani agricoltori sono forse quelli che più hanno subito i drammatici effetti scatenati dall’epidemia da Covid-19. Tanti imprenditori hanno investito economicamente cifre importanti per dare vita ai loro sogni imprenditoriali e si sono indebitati pesantemente. Il fermo economico ha provocato enormi problemi. E ancora li sta causando”. Parole di Valeria Villani, imprenditrice agricola reggiana e presidente di Agia regionale dell’Emilia Romagna.

Continua a leggere

Fulvia e Franco Samorì hanno dato il via ad una filiera corta. “Trasformare” la frutticoltura fa bene al reddito

la casetta

Erika Angelini

SASSO MORELLI – Investire, reinventarsi e, finalmente, ricominciare a crescere. Sono queste le tappe percorse da Fulvia e Franco Samorì, dell’azienda agricola “La Casetta” di Sasso Morelli che alla crisi della frutticoltura hanno scelto di opporsi con tenacia, creando una filiera di trasformazione cortissima. Che funziona.

Continua a leggere

“Miele, annata da dimenticare. Bene la Legge regionale di settore”

anna ganapini

Luca Soliani

“Miele e api, è stata un’annata disastrosa”

Parole di Anna Ganapini, titolare de ‘La Maison des abeilles’, con sede a Botteghe di Albinea (Reggio Emilia) e certificata biologica dal Ccpb, consigliera di amministrazione del Conapi, con delega ai rapporti con la Regione, e vice responsabile del Gie miele della Cia nazionale.

Continua a leggere

Un allevamento bio in Appennino ‘alimentato’ dalla passione

allevamento bio

Giuseppe Romagnoli

Lo conduce la famiglia Campominosi che incrocia razze autoctone con Limousine

FERRIERE (Piacenza) – Allevare e coltivare in montagna: a suo tempo l’avevamo definita, sulla base delle testimonianze, “un’agricoltura eroica”, un giudizio che viene pienamente confermato dall’esperienza della famiglia Campominosi che, a Canadello frazione del comune di Ferriere, in provincia di Piacenza, conduce un allevamento di vacche da carne.

Continua a leggere

Saslà, un’antica varierà recuperata che piace ancora

uva sasla

Claudio Ferri

Anna Maria Manfredini coltiva l’uva da tavola sempre più apprezzata dai consumatori

CASTELLETTO DI SERRAVALLE (Bologna) – Il Chasselas, che per modenesi e bolognesi è ‘Saslà’, sta tornando nelle fruttiere di molte famiglie. Molto diffusa nel Novecento e fino ai primi anni sessanta, questa uva da tavola non è mai scomparsa dopo l’arrivo delle uve pugliesi e siciliane, e qualche filare è rimasto nelle colline bolognesi, area in cui, un tempo, se ne coltivavano grandi volumi. Le origini di questo vitigno bianco sono incerte, anche se probabilmente è originaria del Libano, un’uva che nel tempo si è consolidata in Europa, specialmente in Francia (dove è tutt’ora coltivata e dalla quale viene prodotto vino pregiato) e tantissimo in Svizzera.

Continua a leggere

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat