articoli primo piano 2019 Archivi - Agrimpresaonline Webzine

Al via un confronto tra Stati per armonizzare i sistemi di etichettatura

Paolo De Castro, Coordinatore S&D alla commissione Agricoltura del Parlamento europeo

Sicurezza alimentare, trasparenza e tutela dei consumatori sono da sempre nel Dna degli agricoltori, che non sono per definizione solo ‘sentinelle’ dei territori in cui lavorano tutto l’anno, ma anche fornitori di materie prime alla base di una catena dal valore inestimabile.

Per questo, negli ultimi anni, azioni non coordinate, spinte da interessi economici di multinazionali alimentari e catene della grande distribuzione, hanno portato in Europa alla diffusione di sistemi di etichettatura nutrizionale fronte-pacco degli alimenti che rischiano di non garantire più la salute dei cittadini, e mettere a repentaglio la sopravvivenza di migliaia di aziende agroalimentari.

Nel 2013, quando ancora non si parlava di Brexit, la Gran Bretagna fu il primo Paese Ue ad adottare un sistema semplificato di classificazione degli alimenti con i tre colori del semaforo, verde, giallo e rosso, prendendo come riferimento la quantità di calorie, zucchero, sale, grassi e grassi saturi in 100 grammi di prodotto.

Nel 2017 la Francia ha adottato il sistema Nutriscore, che esprime la qualità nutrizionale globale degli alimenti attraverso l’impiego di cinque colori, dal verde al rosso, a cui corrispondono cinque lettere dell’alfabeto, dalla A alla E. Il colore viene attribuito all’alimento nel suo complesso, considerando la presenza di ingredienti e nutrienti da limitare, come gli zuccheri semplici e il sale, ma anche quelli positivi per la salute, come fibre, frutta e verdure.
A seguire, il sistema Keyhole introdotto dai Paesi scandinavi che hanno scelto di indicare i prodotti migliori sul piano nutrizionale per ogni categoria di alimenti. Graficamente, si tratta di una serratura colorata che indica il miglior prodotto nelle diverse categorie, facendo riferimento al contenuto di fibre, sale, zuccheri, grassi e grassi saturi.

Noi italiani, che da sempre siamo al fianco dei nostri agricoltori e dei piccoli produttori, già preoccupati per questi sistemi di etichettatura che, di fatto, discriminano in modo arbitrario prodotti di altissima qualità, come pasta, formaggi, salumi, olio extravergine di oliva alla base della Dieta mediterranea, abbiamo messo a punto e adottato, su base volontaria, il cosiddetto sistema a batteria (Nutrinform Battery). Si tratta di un sistema rappresentato graficamente, appunto, da una batteria che costituisce una valida alternativa a quelli ‘a semaforo’ e che ha l’obiettivo di fornire ai consumatori informazioni nutrizionali chiare e semplici ma, allo stesso tempo, complete per una equilibrata composizione di una dieta giornaliera. Una dieta, ricordiamo, che deve essere basata in modo scientifico su un corretto fabbisogno quotidiano di calorie, grassi, zuccheri e sale per singola porzione di cibo.

I sostenitori degli altri sistemi osservano che il ‘Nutrinform Battery’ è meno immediato e di più difficile lettura. Ma, se è vero che con la strategia ‘Farm to Fork’ l’Unione europea punta a responsabilizzare i consumatori a fare scelte informate, sane e sostenibili per una dieta varia ed equilibrata, qualcuno dovrà spiegare ai cittadini come è possibile che il miele, il succo d’arancia, l’olio extravergine di oliva o il Parmigiano Reggiano siano contrassegnati con il colore rosso, e quindi pericolosi per la salute, mentre patatine fritte, pizze surgelate e bibite gassate siano etichettate come verdi e salutari.

La Commissione ha riferito che presenterà nella primavera 2022 una proposta per armonizzare gli attuali sistemi di etichettatura. La vera battaglia, insomma, è appena iniziata e anche al Parlamento Ue ci aspetta un periodo di riflessione e di lavoro basato su un confronto tra gli Stati membri che sia finalizzato a trovare una soluzione giuridica equilibrata nell’interesse di tutti i cittadini e consumatori europei.

Nel sistema ‘Nutriscore’, in particolare, riteniamo infatti che vi sia qualcosa di sbagliato, e addirittura pericoloso, perché non aiuta i consumatori a fare scelte più informate e corrette, e quindi a contrastare le malattie legate all’alimentazione, non ultima l’obesità.

Agricoltura sociale, Mammi: sì all’istituzione di una legge regionale

agricoltura sociale

Claudio Ferri

BOLOGNA – Il sistema agricolo regionale deve andare sempre più nella direzione del precision farming, dell’innovazione tecnologica e della ricerca per far fronte ai pericolosi fenomeni atmosferici sempre più frequenti e imprevedibili che impongono scelte rapide, anche negli investimenti, in tecnologie e meccanismi di difesa.

Continua a leggere

Filiera del pomodoro da industria assediata da vecchie e nuove minacce

pomodoro da industria

Tiberio Rabboni, presidente Oi pomodoro da industria Nord Italia

La filiera del pomodoro da industria del Nord Italia, protagonista di primo piano del successo del Made in Italy agroalimentare nel mondo è, purtroppo, assediata da vecchie e nuove minacce. Innanzitutto dalle conseguenze del cambiamento climatico. Le anomalie meteorologiche sono all’ordine del giorno e con esse i danni alle coltivazioni.
A queste si aggiungono, anche per un effetto indotto, le conseguenze della non sempre sufficiente disponibilità irrigua territoriale e della virulenza di alcune fitopatie, quali la Peronospora, la Ralstonia solanacearum, il ragnetto rosso, ancora incontrollate e latenti e, in determinati areali produttivi, aggressive.

Continua a leggere

Il Piano per l’efficientamento della rete idraulica risponde alle emergenze climatiche

Francesco Vincenzi, presidente Anbi, Associazione nazionale delle bonifiche

“L’acclarata crisi pluviometrica lungo la costa adriatica riceve ulteriore conferma dall’analisi delle precipitazioni sui bacini di pianura, dalla foce del fiume Reno al confine fra Emilia Romagna e Marche: nel 2020, fino al 15 settembre sono caduti, infatti, 502 millimetri di pioggia, inferiori anche al siccitoso 2017.

Continua a leggere

L’ortofrutta italiana e le sfide del Green Deal

ErsiliaDiTullio

Ersilia Di Tullio – senior project manager Nomisma

È un periodo cruciale per il sistema agroalimentare italiano. Si sta, infatti, definendo una nuova strategia di rilancio post-Covid 19, nell’ambito della traiettoria stabilita dal Piano nazionale di ripresa e resilienza del Governo italiano, che distribuirà le ingenti risorse messe a disposizione dall’Unione Europea con il Recovery Plan.

Continua a leggere

L’arachide trova una nuova giovinezza nel ferrarese

Arachide-in-campo

Erika Angelini

È attivo un progetto sperimentale che coinvolge 15 aziende per un totale di 18 ettari investiti

MESOLA (Fe) – Fino a metà degli anni ‘60 una varietà di arachide piccola e dal sapore intenso era una coltura tipica del territorio ferrarese, particolarmente vocato alla produzione.
Poi è stata gradualmente abbandonata, sia per una concorrenza internazionale sempre più agguerrita, che per un forte cambiamento delle abitudini di consumo.

Continua a leggere

Nel Nord Italia l’annata 2020 soddisfa

pomodoro da industria

Cristian Calestani

Superate le difficoltà legate alla maturazione concentrata in agosto grazie al lavoro di squadra di filiera, Regione e Ministero

PARMA – Una campagna difficile, in alcuni passaggi, ma alla fine positiva anche grazie ad un lavoro di squadra a più livelli, Op, Oi, Regione e Ministero, che ha permesso di affrontare tempestivamente l’allarme scattato in agosto per la concentrazione della maturazione della materia prima, programmata su più settimane. È questa la sintesi dell’annata 2020 per il pomodoro da industria coltivato nel Nord Italia.

Continua a leggere

Pac, la transizione passa per la chimica verde e l’innovazione

innovazione
Il punto nel webinar promosso da Cia al Macfrut Digital 2020

CESENA – Innovativo, dinamico e pioniere della sostenibilità ambientale: il settore ortofrutticolo italiano è pronto alla grande sfida della transizione verde europea. A dirlo, dati alla mano, è stata Cia-Agricoltori Italiani che, nella giornata inaugurale di Macfrut Digital 2020, ha messo a fuoco con il webinar “L’ortofrutta italiana sulla strada del Green Deal: Pac, innovazione e chimica verde”, i punti di forza del comparto e stilato le priorità per la svolta sostenibile.

Continua a leggere

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat