Rubriche Archivi - Agrimpresaonline Webzine

Una lunga lista di fenomeni meteorologici avversi

maltempo

Pierluigi Randi, tecnico meteorologo, presidente dell’Associazione Meteorologi Professionisti (Ampro)

Pubblichiamo un estratto dalla relazione di Pierluigi Randi, contenuta nel report dell’Annata Agraria 2022 di Cia-Agricoltori Italiani Romagna.

Continua a leggere

L’Italia chiude con 5,5 milioni di tonnellate di prodotto trasformato

pomodoro da industria

Claudio Ferri

BOLOGNA – In Italia quest’anno sono state trasformate circa 5,5 milioni di tonnellate di pomodoro, con una riduzione del 10% rispetto ai risultati record dello scorso anno.
Un dato che, sostanzialmente, riflette quello relativo agli ettari investiti pari a 65.180 (-8,5% rispetto al 2021), di cui 37.024 al Nord e 28.156 al Centro Sud. In particolare, nel Bacino Centro Sud le aziende hanno trasformato 2,59 milioni di tonnellate, con un decremento del 12% rispetto al 2021, mentre in quello del Nord il trasformato finale è stato di 2.89 milioni di tonnellate (-6.3% rispetto allo scorso anno).

Continua a leggere

Presentata l’annata agraria 2022 della Romagna: le produzioni scontano le conseguenze di tre anni consecutivi di gelate, oltre a pandemia e conflitto in Ucraina

annata agraria

Lucia Betti

CERVIA (Ravenna) – “L’agricoltura di domani passa dalla ricerca di oggi”. Questo il tema del convegno in cui Cia-Agricoltori Italiani Romagna ha presentato i dati dell’Annata Agraria 2022, alla sua quinta edizione, per una fotografia dell’andamento complessivo del comparto agricolo.
Il report completo con le previsioni e le stime del 2022 e il raffronto con i dati dal 2021 al 2018 sia per le singole province analizzate, Ravenna, Forlì- Cesena e Rimini, sia per l’areale Romagna, è disponibile su emiliaromagna-cia.it/home-romagna/.

Su quest’annata pesano ancora le importanti conseguenze di tre anni consecutivi di gelate tardive, alle quali si sono sommati gli effetti della pandemia e della guerra russo-ucraina.
In Romagna le anomalie climatiche del 2022, con una siccità estrema legata a un’estate calda e a temperature elevate che si sono protratte a lungo anche nell’autunno, hanno determinato ulteriori evidenti criticità sul piano produttivo, seminativo e della difesa delle colture. Tutto questo si aggiunge alle questioni connesse ai danni da fauna selvatica, ai nuovi parassiti e alle nuove fitopatologie, ai limiti europei all’utilizzo degli agrofarmaci.

Imprese

In un quadro romagnolo che conta un totale di 106.351 imprese attive al 30.09.2022 (+0,9% sullo stesso periodo del 2021), le imprese agricole sono 15.088, -1,2% sul 2021. Fra le agricole sono in calo quelle femminili (2.777, -1,8%) e, per il primo anno da una lunga serie storica, anche quelle giovanili (554; -3,5%).

Comparti

In Romagna nel 2022 le più importanti tipicità frutticole (albicocco, pero, nettarina) registrano una contrazione degli ettari coltivati (in scia quelli in produzione) mediamente fra il -3% e il -4%, mentre il pesco segna -6%, sul 2021, confermando il trend degli ultimi anni. Pesco e nettarine insieme, perdono sul 2018 il 28% di superfici coltivate. Queste colture hanno registrato nel 2022 buone produzioni rispetto agli anni precedenti, anche se sempre sotto il loro potenziale produttivo medio. Per esempio, pesco e nettarina registrano un +35% sul 2021, ma un -34% sul 2018. Il pero vive il suo quarto anno consecutivo di sofferenza e la sua produzione raccolta, pur superiore di oltre il 100% alla disastrosa annata del 2021, è sotto il potenziale e registra un -26% sul 2018.
La fragola, l’orticola che per qualità nutrizionali teniamo insieme alla frutta, sul 2021 registra un complessivo +4,6%, con un calo medio in campo sul 2021 del -20% e una crescita in serra del +35%.
Aumento degli ettari coltivati, in produzione e raccolto per ciliegio, melo, actinidia, olivo, (sia sul 2021, sia sul 2018).
Per le superfici coltivate il ciliegio e il melo hanno segno +3% sul 2021. L’actinidia +5% sul 2021, trainata dalla maggiore estensione della varietà “gialla”. Anche per l’olivo leggero incremento sul 2021. La produzione del ciliegio è in aumento del +2% sul 2021 e del +78% sul 2018. Il melo registra per produzione +17% sul 2021 e sul 2018. Per l’actinidia i dati forniti dagli Stacp, seppur non definitivi, per il ravennate e il riminese indicano una produzione in aumento che fa presumere un incremento complessivo par l’areale romagnolo sia sul 2021 sia sul 2018. Produzione in aumento anche per le olive romagnole: quasi +39% sul 2021 e circa +9% sul 2018. Tendenzialmente stabili le superfici del susino. Produzione in aumento rispetto al 2021 quasi in linea col 2018, però sotto il potenziale. Mercato deludente anche per le Angeleno che in genere seguono andamenti migliori.

Nel vitivinicolo, con un incremento complessivo degli ettari coltivati dell’1% circa sul 2021 e del +2,4 sul 2018 (cresciuti in particolare nel ravennate e nel riminese) e in produzione (in aumento nel ravennate, ma in calo nel forlivese-cesenate e nel riminese), nel 2022 salgono anche i quintali di uva raccolti (quasi +9%) e gli ettolitri di vino (circa +8%) rispetto al 2021, in calo però entrambe le voci di circa il -20% nel confronto con i dati del 2018.

Per il cerealicolo in Romagna le superfici complessivamente calano rispetto al 2021 per grano tenero (-1% circa), mais (-8%) e sorgo (circa -10%).
Aumenta la superficie del grano duro sul 2021 (+33%) e sugli anni precedenti e quella dell’orzo (circa +14%).
Campagna altalenante per le rese, complessivamente in calo rispetto al 2021: 10% in meno circa per il tenero (70 q/ha); nel duro (55 q/ha) il calo è stato di circa 15-20 q/ha. Mais duramente colpito, con una produzione in calo di circa la metà (-47%) rispetto al 2021 e -61% rispetto al 2018. A livello mondiale il calo della produzione dei frumenti (-2,5%) incide anche sulla diminuzione degli stock disponibili (-5%). I prezzi sono stati superiori al 24% circa rispetto al 2021. Grano, sorgo e orzo, insieme ai semi oleosi colza e girasole, si confermano tra le coltivazioni maggiormente resistenti ai rincari dell’energia e dei costi di produzione.

A proposito di colture proteoleaginose, Il rinnovato interesse nei loro confronti, dovuto all’andamento favorevole del mercato legato alla carenza di prodotto a livello internazionale, ha portato in Romagna nel 2022 ad un ulteriore aumento delle superfici coltivate rispetto al 2021 e agli anni precedenti: 7.465 ettari (+11% sul 2021; +39% circa sul 2018).

Nelle industriali, per l’erba medica si registra un calo di superfici fra il 3% e il 4% in meno rispetto al 2021, con una resa medio-scarsa e prezzi all’origine fra i più alti degli ultimi dieci anni. L’Emilia Romagna è la regione più vocata d’Italia per la produzione di seme di erba medica, la provincia di Ravenna (5.246 ettari) rappresenta un’eccellenza per la moltiplicazione del seme di erba medica e gli ettari totali certificati dal Crea in Romagna sono 8.358.
La superficie della barbabietola da zucchero è stabile, ma cala rispetto al 2018. Non ha subito particolari riduzioni di produttività. Non variazioni significative nelle superfici del pomodoro da industria, che sul 2021 registra un calo delle rese medie intorno al -5%. La campagna in Romagna è stata buona dal punto di vista delle qualità organolettiche, anche se con calibri ridotti.

La siccità pesa anche sulle orticole condizionate nella produzione in particolare nel secondo raccolto, in molti casi non impiantato, come ad esempio il fagiolino. Problematiche di allegagione su quelle colture che hanno fiorito in pieno periodo torrido. La resa media non è stata molto alta, ma qualità buona, incrinata nei mesi centrali estivi. Prezzi e consumi molto variabili con risultati abbastanza positivi, ma non ai livelli della pre-pandemia.

Un altro comparto colpito negativamente dalle congiunture in corso è la zootecnia e in particolare il settore avicolo, preponderante nel territorio di Forlì-Cesena, dove rappresenta il 51,0% della Plv provinciale. Le carni avicole hanno comunque beneficiato negli ultimi 5 anni di un aumento degli acquisti del 9% in quantità e del 19% in valore, mostrando una dinamica più favorevole rispetto al comparto delle carni nel loro complesso e un crescente orientamento verso prodotti a maggior valore aggiunto. Più delicata la situazione delle uova, i cui acquisti sono in fase di stallo dopo i brillanti risultati del primo lockdown. Anche l’apicoltura vede i raccolti primaverili e soprattutto estivi condizionati dalla siccità. A parte qualche eccezione positiva sui raccolti di acacia, anche questa stagione per molte aziende registra un bilancio complessivamente negativo.

Le aziende agricole condotte con il metodo biologico rappresentano in Emilia Romagna, a giugno 2022, circa il 9,14% (era l’8,64% nel 2019). La distribuzione delle imprese vede al secondo posto dopo Parma la provincia di Forlì-Cesena, che detiene anche il primato per la maggiore vocazione zootecnica biologica. Anche a livello comunale, Cesena è al primo posto in Emilia Romagna con 191 aziende biologiche in totale.

Confermato l’aiuto accoppiato e la possibilità di accedere agli aiuti agroambientali per il pomodoro

dossier pomodoro da industria

Claudio Ferri

BOLOGNA – Una siccità senza precedenti ed un aumento dei costi energetici e dei mezzi tecnici, altrettanto eccezionali, hanno caratterizzato la campagna 2022 del pomodoro da industria nel Nord Italia, una delle più difficili degli ultimi anni. Ciò nonostante i quantitativi prodotti e consegnati alle industrie di trasformazione sono risultati prossimi agli impegni contrattuali sottoscritti ad inizio giugno e le rese ad ettaro, pur inferiori a quelle record del 2021, sono state significativamente superiori alla media dell’ultimo quinquennio. In calo invece le rese industriali. Fa il punto della situazione Tiberio Rabboni, presidente dell’OI Pomodoro da industria del Nord Italia, l’Organizzazione interprofessionale che raggruppa gli operatori economici della filiera del Nord Italia.

Continua a leggere

Flavescenza dorata, Cia sollecita strategie di difesa. Anche del reddito

flavescenzadorata

Luca Soliani

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Presenti oltre trecento imprenditori viticoli, che rappresentano circa 1.600 ettari di vitigni, il 10% del potenziale viticolo di Reggio e Modena. Sono i lusinghieri numeri – usciti dal sondaggio all’ingresso – del successo del convegno organizzato da Cia Reggio Emilia e Cia Emilia Centro a Correggio (Re) per richiamare l’attenzione su ‘Flavescenza della vite: gestione e prospettive’. Un tema molto sentito per la gravità e diffusione della epidemia nel ‘distretto dei Lambrusco’.

Continua a leggere

Riunita la Cabina di regia regionale: Mammi chiede la convocazione del tavolo ortofrutticolo nazionale

flavescenzadorata

BOLOGNA – Una strategia di difesa comune per l’emergenza flavescenza dorata che colpisce vigneti in pianura e in collina in tutte le province dell’Emilia Romagna. È l’obiettivo emerso della cabina di regia istituita dalla Regione per affrontare questa patologia della vite che si è diffusa in numerosi focolai e provoca gravi danni alle produzioni.

Alla riunione hanno partecipato l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, il Servizio fitosanitario regionale, i rappresentanti del Consorzio fitosanitario e delle organizzazioni dei viticoltori.
“Vanno rinforzate le azioni di contrasto alla flavescenza- spiega Mammi-, con un Piano triennale che ci consenta di avere il quadro aggiornato della situazione, in coordinamento tra tutte le Regioni coinvolte nell’emergenza e con quanto sarà disposto a livello nazionale”.

Il tema è stato portato anche all’attenzione del Governo, con una lettera della Regione al ministro Francesco Lollobrigida, in cui Mammi chiede che venga riconvocato il Tavolo ortofrutticolo nazionale per trovare soluzioni relative alle criticità. “C’è la necessità– scrive l’assessore- di una deroga al decreto legislativo 102/2004 a sostegno dei danni alle imprese agricole dovuti alle temperature elevate della scorsa estate e ad alcune fitopatie particolarmente dannose, come la flavescenza dorata della vite, oltre a quelle che colpiscono patata e pera, che hanno messo in grave difficoltà l’intera filiera”.

Le azioni su cui la Cabina di regia si muoverà vanno dalla ricerca sui nuovi fitofarmaci alle corrette pratiche per affrontare la diffusione della patologia nei vigneti, ai tempestivi eradicamenti delle piante malate fino al monitoraggio sul territorio nei vigneti abbandonati.

Le strategia di controllo riguardano il materiale vivaistico che deve essere certificato e termotrattato e le aziende che vanno affiancate per segnalare le piante malate e per verificare, attraverso gli ispettori fitosanitari, l’adempimento dei trattamenti obbligatori, nell’ambito delle regole europee su ambiente e prodotti fitosanitari.

Un elemento importante è la formazione e l’informazione dei viticoltori, professionali e non, per aumentare le loro conoscenze sulle corrette pratiche di contenimento e di prevenzione.

Un capitolo riguarda gli interventi presenti e futuri di ristrutturazione e riconversione dei vigneti. Nel bando che ogni anno la Regione pubblica sarà indicato l’obbligo di usare materiale vivaistico certificato e non barbatelle autoprodotte che possono costituire un rischio di trasmissione della malattia.

Kiwi: produzione più regolare, ma inferiore al potenziale

kiwi

Lucia Betti

L’Italia è il principale Paese produttore di kiwi a livello europeo. Dopo l’offerta limitata del 2021, torna su un livello produttivo più regolare ma inferiore al potenziale: il Cso riporta una stima di circa 365.000 tonnellate, di cui 257.000 tonnellate di kiwi a polpa verde e 106.000 tonnellate di kiwi a polpa gialla. Poco significativi i volumi del rosso.

Sempre dall’analisi del Cso emerge che Italia e Grecia si contendono da alcuni anni il primato sulla produzione del kiwi verde ed entrambi i Paesi presentano una forte propensione all’export: l’Italia esporta circa il 70% dell’offerta interna e la Grecia quasi la totalità, circa 197.000 tonnellate nell’ultima campagna.

Continua a leggere

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat