Fauna selvatica: occorre una corretta gestione e una nuova legislazione

Cia Piacenza

Giuseppe Romagnoli

Più che contenere bisogna gestire, in sinergia con scienza e politica

PIACENZA – La gestione della fauna selvatica è un problema che riguarda non solo l’agricoltura ma l’intero territorio, con crescenti costi ambientali e sociali che bisogna risolvere con una corretta e pianificata gestione ed una legislazione nuova ed aggiornata. Un problema ormai non più procrastinabile oggetto di un interessante convegno organizzato dalla Cia di Piacenza presso la Sala Piana dell’Università Cattolica.Nella sua introduzione agli interventi, moderati dalla giornalista Paola Romanini, il Presidente Cia Piacenza Franco Boeri ha riassunto i punti focali del “manifesto” dell’associazione, ovvero “il paese che vogliamo” con l’obiettivo di definire un progetto di manutenzione del territorio nazionale, con gli agricoltori protagonisti, in un’ottica non più di emergenza, ma di prevenzione, tutela e gestione delle calamità.
Dal dissesto idrogeologico, ai danni da maltempo e fauna selvatica tutelando il reddito degli agricoltori.

Dopo il saluto del Senatore Pietro Pisani, dell’assessore Paolo Mancioppi e di Romeo Gandolfi per la Provincia, ha preso la parola Giuseppe Cornacchia, Capodipartimento della Cia di Roma che ha ricordato la mobilitazione su alcune emergenze ovvero la gestione del territorio, le infrastrutture, la governance e la fauna selvatica per la quale in altri paesi la caccia è libera.
“A causa della loro sempre più invadente presenza – ha detto Cornacchia -, gli agricoltori di collina e montagna spesso abbandonano le coltivazioni ed il territorio si spopola ulteriormente depauperandosi del loro indispensabile presidio, con squilibri eco-sistemici che coinvolgono l’intero territorio; ed ancora incidenti stradali e rischi di zoonosi”.

È un problema che non si risolve in poco tempo e che necessita di una corretta e pianificata gestione, con una legislazione aggiornata: una gestione, non una conservazione. “Ci vuole – ha ribadito Cornacchia – una pianificazione delle Regioni con supporti scientifici. La caccia può dare un contributo, ma non risolve; ci vuole responsabilità politica, con mezzi adeguati, personale istituzionale e partecipazione dei cittadini. L’utilizzo della carne va incentivato attraverso una filiera perfettamente rintracciabile. I danni devono essere risarciti per intero e vanno armonizzate le discrepanze legislative”.

Da parte sua il Senatore Gianpaolo Vallardi, presidente della Commissione agricoltura ha ribadito che c’è “la volontà in Commissione di normative adeguate, attraverso appositi emendamenti bipartisan alla Finanziaria, ma il Ministero dell’Ambiente ed il Ministro Costa continua ad avocare a sé la competenza sugli animali selvatici. La visione ambientalista che il Ministro evidenzia è su un piano ideale non compatibile con la nostra realtà fortemente antropizzata. Già l’agricoltura italiana è sotto assedio, il reddito è basso, ma ci impediscono di reagire e di trovare una soluzione. Ci sono problemi strutturali: bisogna modificare la legge 157 ormai obsoleta e costruire una visione comune. Dobbiamo andare con una voce comune in Europa e per Ispra ,è necessaria una profonda revisione che comporta scelte politiche”.

Un concetto pienamente condiviso dal consigliere regionale Gian Luigi Molinari per il quale “Ispra sta esercitando un ruolo politico che non gli compete. C’è bisogno un riconoscimento del ruolo dei selettori, bisogna trovare un giusto equilibrio negli Atc tra agricoltori e cacciatori, un dialogo, un confronto, ma poi di fronte a problemi concreti ed importanti, i primi devono ricordarsi che possono esercitare un ruolo molto importante per la gestione del territorio”.

Stefano Cavanna, direttore di Condifesa, ha ricordato che per ora non ci sono strumenti assicurativi idonei per rispondere alle esigenze degli agricoltori.”Si potrebbero inserire nel Prg tra le avversità assicurabili, reperire compagnie disponibili coinvolgendo Ismea e gli enti per definire meglio rischi e liquidazione dei danni. Come Condifesa Emilia Romagna stiamo lavorando su queste tematiche”. Cavanna ha tracciato un breve bilancio dell’anno in corso, “un anno da record che dimostra la bontà di Condifesa per le avversità, con un aumento del 7% delle superfici assicurate. E funziona non solo per il pomodoro, ma per tutte le altre coltivazioni”. E poi l’importanza della polizza per le coltivazione dei cereali autunno-vernini.

Le conclusioni sono state affidate a Stefano Francia, presidente nazionale di Agia, i giovani imprenditori agricoli della Cia che ha ribadito “la necessità impellente di ricollegare le aree rurali. Bisogna coinvolgere il territorio che va governato. Essenziale la manutenzione delle infrastrutture ed uno sviluppo delle filiere fondamentale per le aree interne”.
Francia ha chiesto una profonda modifica della legge 157 ed ha ribadito che “bisogna rimettere al centro il dato scientifico da cui ripartire”. Ha criticato “l’idealismo di maniera perché la natura va regolata. Se vogliamo mantenere le aree rurali, queste vanno gestite con un progetto scientifico e politico, con le associazioni che svolgono un ruolo primario”.
Il presidente Agia ha chiesto “di aprirsi all’innovazione genetica per essere veramente “green”; ha sottolineato “l’importanza delle “multi rischio” da estendere ai danni animali ed ha ribadito “l’importanza di riformare Ispra, dandole maggiore territorialità e la competenza della gestione al Consiglio dei Ministri per raccordare al meglio il lavoro dei diversi ministeri”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: