Si chiude in rosso un’annata ‘complicata’ per l’agricoltura reggiana - Agrimpresaonline Webzine

Si chiude in rosso un’annata ‘complicata’ per l’agricoltura reggiana

Dicembre 2013

REGGIO EMILIA – “Un’annata complicata quella che si è appena conclusa per l’agricoltura reggiana: ci attendiamo infatti un risultato economico in qualche misura inferiore al 2012, mentre i costi a carico degli agricoltori non sono certo diminuiti”.

È il giudizio del presidente della Cia reggiana Ivan Bertolini. Uno sguardo ai tre principali comparti del settore primario reggiano dicono che solo il vitivinicolo presenta un bilancio positivo, mentre suinicolo e lattiero caseario chiudono l’anno in rosso.

Vitivinicolo

Nonostante continui a diminuire la superficie vitata (ora 7.396 ha) e nonostante alcuni sfavorevoli fattori climatici, la vendemmia ha fatto segnare un +4%, raggiungendo 1.450.000 q.li di uva prodotta, con risultati molto differenziati in pianura dove alcune aree sono state penalizzate da peronospora e tignoletta per effetto della difficile ripresa dopo la grande piovosità primaverile, mentre altre zone sono state falcidiate da una forte grandinata. Sul piano economico i prezzi di mercato sono stati buoni, tanto che le cantine liquideranno le uve della vendemmia 2012 nei prossimi bilanci con cifre superiori all’anno precedente nell’ordine del 20% ed oltre.

Suinicolo

Continua il ridimensionamento del patrimonio suinicolo provinciale, stabilitosi sotto i 300 mila capi. Il mercato che nei primi mesi dell’anno dava segnali di ripresa, in seguito ha deluso le attese degli allevatori. Ad oggi, a fronte di un +2% nei prezzi, abbiamo un +8-10% sui costi di alimentazione.

Lattiero caseario

Per il Parmigiano-Reggiano l’annata è destinata a chiudersi con un calo produttivo nell’ordine dell’1% a livello comprensoriale, che è però 2% nel reggiano. Nel contempo il mercato ha “vivacchiato” con prezzi che faticano a garantire l’equilibrio economico degli allevamenti bovini, che si stabilizzano come numero (1.271) e crescono in dimensione, alla ricerca di un’efficienza derivata dalle economie di scala. I costi però non stanno fermi e assottigliano i margini. La voce più importante della Plv agricola reggiana (oltre il 50% è appannaggio del settore lattiero caseario) farà registrare una perdita di valore di oltre 20 milioni, collocando la Plv stessa intorno ai 300 milioni.

Altre vegetali

Come per la vite, il maltempo dell’autunno scorso e poi della primavera 2013 ha condizionato le produzioni vegetali della provincia. Si sono registrati ritardi nelle semine e problemi di malattie derivate dalle piogge, come la peronospora sul pomodoro. I cereali autunno vernini (frumento tenero, duro, orzo) hanno visto ridursi le superfici seminate, causa maltempo, il raccolto è risultato discreto per quantità e qualità ma in calo rispetto all’anno precedente in cui si erano ottenuti risultati eccezionali. Anche le produzioni industriali hanno visto ridursi le superfici, sia per barbabietole che per pomodoro, causa le difficoltà di semina e trapianto a primavera (un mese di ritardo si è registrato per il pomodoro), anche se le rese sono risultati buone, soprattutto per le varietà tardive. L’andamento meteo ha favorito la semina di mais, in particolare le varietà tardive, che hanno sopperito alle rinunce forzate ad altri tipi di semine primaverili. Buoni i risultati registrati alla raccolta: 100/110 q.li/ha per le varietà precoci, 120/130 per le tardive, con buoni risultati anche sul piano qualitativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat