Stefania Malvolti eletta coordinatrice di Donne in Campo Romagna - Agrimpresaonline Webzine

Stefania Malvolti eletta coordinatrice di Donne in Campo Romagna

MARTORANO DI CESENA (FC) – Il coordinamento delle Donne in Campo della Romagna, all’unanimità, ha eletto coordinatrice Stefania Malavolti, imprenditrice agricola di Casola Valsenio (Ra), che per due mandati ha svolto questo ruolo per le Donne in Campo della Cia della zona di Ravenna. “La rappresentanza è impegnativa, ma fondamentale, è un investimento per le aziende, per i figli, per il futuro, per migliorare in maniera aggregata”.

Questo il primo commento della Malavolti, mentre pensa al tanto lavoro da svolgere con le colleghe dei territori. “Dedicarsi alla rappresentanza è faticoso per tutti gli agricoltori, perché vuol dire lasciare l’azienda spesso, gravando molto su chi in azienda resta. Forse per le donne è ancora più pesante perché generalmente la donna lascia ‘non solo’ l’azienda, ma la cura della famiglia, vuoi che si tratti di figli più o meno grandi vuoi che si tratti di persone anziane. E questo anche in quelle situazioni in cui comunque si ‘coopera’, al di là del genere, sia in famiglia sia in azienda”.

La dimensione romagnola del coordinamento delle donne viene definita dalla Malavolti una grande possibilità: “Per ampliare le conoscenze, per fare più rete, confrontarsi di più. Le problematiche sono trasversali e comuni. Dobbiamo fare arrivare le nostre istanze a tutti i livelli istituzionali. Per fare un esempio: nelle aree collinari la questione dei servizi, necessari per poter mantenere popolate le zone da famiglie e aziende agricole, in un circolo virtuoso di tutela e cura delle persone e dell’ambiente, di contrasto allo spopolamento e al dissesto idrogeologico. L’Agricoltura produce cibo, fondamentale, e ancora tanto di più: è presidio del territorio e anche servizi e tutti dobbiamo tenere conto di questi aspetti”.

Profilo di Stefania Malavolti

A Casola Valsenio (Ra) ha fondato la sua azienda vent’anni fa. In azienda vengono allevati ovini, caprini e bovini e da subito è partita la trasformazione e la vendita diretta. Da dieci anni la figlia Sara, diplomata all’Istituto Agrario Scarabelli di Imola, lavora con lei e poi ci sono tre dipendenti: uno nel caseificio, uno in stalla e uno nel negozio. Oltre al negozio storico di Casola, con altre aziende è presente anche a Faenza. Partecipa ai mercati agricoli e si dedica anche all’attività di fattoria didattica e agriturismo. Tanti i progetti nel cassetto. Il figlio più piccolo, Pietro, sta studiando allo Scarabelli. Il marito è veterinario.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat