Cena servita all'aperto a 'La Graziosa' - Agrimpresaonline Webzine

Cena servita all’aperto a ‘La Graziosa’

La-Graziosa

“Al momento – racconta Jacopo Ascoli dell’agriturismo La Graziosa di Corniano (Rn) -, abbiamo ipotizzato di lavorare sabato e domenica pranzo e cena, puntando principalmente su quest’ultima, durante la settimana la temperatura ancora non ci permette di avere di tanti clienti, abbiamo anche pensato ad apericene, ma il nostro target di clientela preferisce la cena servita”.

Il ristorante non effettua consegne: “Nel primo lockdown ci abbiamo provato ma, trovandoci nell’entroterra, e non in città, non ne valeva la pena”. Riaprire, dice Ascoli, “è stato un problema, le normative sono state definite il 24 aprile, spiegando cosa si intende aree all’aperto, per aprire il 26. Ci siamo subito mossi con la richiesta in Comune di installazione di alcuni gazebo per accogliere clienti. L’agriturismo dispone di 2 porticati, sotto i quali, con i distanziamenti, ci stanno al massimo 35 coperti, un po’ poco, considerando che abbiamo circa 20 collaboratori che lavorano con noi”. L’agriturismo dedica una forte attenzione all’applicazione delle norme anti Covid. 

La situazione, prosegue Ascoli, “però è un po’ surreale; all’interno abbiamo il locale vuoto, mentre ci capitano persone anche anziane, già vaccinate, che sono costrette a stare fuori e magari all’aria fredda, visto le temperature nelle sere di maggio. Capiamo la situazione difficile, il nostro obiettivo è mantenere l’organizzazione, facendo i fine settimana, cerchiamo di chiamare un po’ tutti, per fare lavorare i nostri collaboratori che sono con noi da 10 anni con noi”.

L’agriturismo è nato dalla scrupolosa ristrutturazione di un vecchio casolare ottocentesco, sottoposto a tutela storica. “Conta 6 camere che hanno a disposizione una piscina molto spettacolare, un progetto con sfioro con vista sui vigneti, che per questo ha anche partecipato a concorsi di architettura nazionali. Al centro della sala c’è perfino un pozzo”.

La famiglia ha aperto La Graziosa nel 2005. “Tutto è fatto in casa, verdura, olio e vino sono di nostra produzione, l’azienda agricola si espande su 20 ettari di terra che serve per alimentare la produzione interna, collaboriamo con aziende di allevamento locali di Coriano per il manzo e i maiali con i quali facciamo i nostri salumi. La nostra famiglia è di origine toscana, ci piacciono le contaminazioni in cucina, quindi al fianco delle classiche tagliatelle romagnole, affianchiamo anche la ribollita e la pappa col pomodoro. Questo ci distingue e notiamo che i clienti apprezzano”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat