La Camera di commercio “driver” dello sviluppo economico del territorio - Agrimpresaonline Webzine

La Camera di commercio “driver” dello sviluppo economico del territorio

Novembre 2016

FORLì-CESENA – Il 27 ottobre scorso la Camera di commercio di Forlì-Cesena ha incontrato i principali stakeholders (portatori di interesse economico) del territorio nell’ambito dell’annuale “Giornata della Trasparenza”.

La Giornata è stata l’occasione per far conoscere ulteriormente e condividere la realtà camerale, i servizi erogati e le iniziative realizzate. Il presidente Alberto Zambianchi ha sottolineato il ruolo della Camera di commercio, vero e proprio driver dello sviluppo economico, in relazione ad aspetti strategici quali la governance dei temi prioritari, l’infrastrutturazione, il credito, l’internazionalizzazione, la semplificazione, l’informazione economica, l’innovazione, lo sviluppo sostenibile e la responsabilità sociale, l’attrattività e il marketing territoriale, la regolazione del mercato e il supporto complessivo all’imprenditorialità.

Dal 2009 al 2016, la Camera di commercio di Forlì-Cesena ha destinato 33.700.000 euro per interventi diretti all’economia e stanziato 8.496.000 euro per il sostegno al credito. È stata dedicata una riflessione sull’adesione della Camera di commercio di Forlì-Cesena al processo di autoriforma del sistema camerale nazionale. Il percorso sta per giungere a compimento e l’accorpamento con la Camera di commercio di Rimini porterà alla costituzione, entro fine anno, della nuova Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini.

“La realizzazione della nuova Camera – ha dichiarato Mara Biguzzi, direttore della Cia di Forlì-Cesena e membro della Giunta camerale – rappresenta un’occasione concreta per valorizzare pienamente le potenzialità del sistema imprenditoriale, creando le condizioni per un nuovo modello di sviluppo che parta dalle caratteristiche dei territori per realizzare un ecosistema sociale ed economico competitivo e innovativo”.

Significativo l’impegno per l’infrastrutturazione a banda ultra larga e per servizi Ict, con azioni di intervento di tecnologia digitale in numerose aree del territorio. L’attrattività territoriale è stata promossa con i progetti “Terre di Romagna”, “Piattaforma Romagna Terra del Buon Vivere”, “Eccellenze del Made in Italy” e con le attività di informazione e partecipazione ad Expo 2015. La linea strategica relativa allo sviluppo sostenibile è stata presidiata dal Cise con la collaborazione ai principali eventi in tema di sensibilizzazione alla sostenibilità, da Ecomondo all’assistenza alle imprese e a progetti pilota. Nel campo della responsabilità sociale, Cise ha realizzato laboratori per le imprese e rimodulato il sistema “Impresa Etica”. Decisivo per il sostegno alle imprese nella crisi, l’impegno della Camera per il credito e la finanza d’impresa: intervento ordinario attraverso i Confidi per l’accesso al credito delle imprese: erogati oltre 2,1 milioni di euro nel periodo 2014-2016 (oltre 8 milioni di euro nel periodo 2009-2016); intervento in controgaranzia attraverso il Fondo per lo sviluppo, un fondo rotativo per la riassicurazione di finanziamenti a breve e medio termine garantiti dalle cooperative di garanzia.

Per promuovere l’Innovazione, il Cise ha realizzato iniziative importanti: percorsi erratici; rete per l’open innovation; tutoraggio innovazione; innovazione responsabile e metodologia Ugo; osservatorio innovazione; accreditamento Rete alta tecnologia della Regione Emilia Romagna. Per favorire l’internazionalizzazione sono stati realizzati progetti e interventi innovativi che hanno coinvolto un numero particolarmente rilevante di imprese.

“La riforma del sistema camerale – ha concluso la Biguzzi – deve rappresentare l’occasione per il rilancio di uno strumento, come le Camere di commercio, fondamentali per l’aiuto alle imprese, l’innovazione e la digitalizzazione e siamo pronti ad accettare questa sfida anche forti di una “cura dimagrante” avviata da tempo, che ci permette di dire che l’Ente camerale è in buon equilibrio economico e solidamente patrimonializzato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat