Malattie professionali in agricoltura? C’è il Patronato Inac - Agrimpresaonline Webzine

Malattie professionali in agricoltura? C’è il Patronato Inac

Dicembre 2013

Manuela Guidi

FORLì-CESENA – Il tema delle malattie professionali in agricoltura sta acquisendo, soprattutto in questi ultimi anni, una certa importanza dovuta a più fattori.

Si può dire che la pratica dell’agricoltura non è esente da rischi per la salute dei lavoratori, anzi, la meccanizzazione e la chimizzazione, aggiunte alle difficoltà strutturali del lavoro in agricoltura, hanno accentuato ed esteso la probabilità che si verifichino eventi dannosi all’uomo. In particolare, ricorda il Patronato Inac di Forlì-Cesena, lo sviluppo agricolo e zootecnico è fortemente aumentato in Italia negli ultimi anni, assumendo caratteristiche nuove in risposta alle esigenze produttive e di mercato.

La trasformazione di questi settori pone in risalto problematiche nuove in termini di tutela della salute. L’ambiente di lavoro agricolo, con le sue innumerevoli variabili che rendono difficile il suo adeguamento all’uomo, è dunque da considerare ambiente a rischio nel quale ogni attività ha una sua specifica pericolosità. Il fenomeno delle malattie professionali da sempre soffre di una storica forma di “sotto denuncia”, inoltre ha come caratteristiche peculiari l’insorgenza lenta e subdola, una eziologia multifattoriale ed infine la difficoltà a reperire documentazione specifica per le malattie da lavoro correlate; tutti fattori che rendono difficoltosa la quantificazione del fenomeno (emersione).

Il trend dell’andamento delle denunce di malattie professionali ha però subito, sempre secondo l’Inac di Forlì-Cesena, dei miglioramenti dovuti a più azioni svolte contemporaneamente. In primo luogo si osserva sempre più una matura consapevolezza nel conoscere con maggiore attenzione il fenomeno. Infine l’entrata in vigore delle nuove malattie tabellate nella gestione Agricoltura e la esemplificazione delle procedure tramite la compilazione del modello on line, hanno permesso di mettere in maggiore evidenza quel fenomeno che da tutti è sempre stato definito come sottovalutato.

Le malattie professionali dell’Emilia Romagna rappresentano il 14,2% di quelle denunciate a livello nazionale e le denunce più frequenti riguardano le tendiniti, le affezioni dischi intervertrebali, la sindrome del tunnel carpale e le ipoacusie. Il patronato Inac di Forlì-Cesena, in convenzione con un medico legale di vasta esperienza nel settore assicurativo, offre mensilmente e gratuitamente una consulenza specifica allo scopo di pervenire all’avvio di denuncia di malattia professionale che, se viene riconosciuta dall’Inail, dà diritto a consistenti indennizzi economici.

Gli operatori del Patronato Inac della Cia di Forli-Cesena sono a disposizione per assistere con esperienza e professionalità coloro che intendono inoltrare richieste di riconoscimento di malattia professionale.
I nostri uffici Inac: Cesena via Rasi e Spinelli, 160 tel. 0547-29185 – Savignano P.zza Falcone, 14 tel. 0541-945730 – Forlì Via Vivaldi, 11 tel. 0543-35970

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat