Bene la cabina di regia contro i furti e più coordinamento delle forze di polizia - Agrimpresaonline Webzine

Bene la cabina di regia contro i furti e più coordinamento delle forze di polizia

Gennaio 2016

Si è tenuto in Prefettura il secondo incontro di quella che si configura come una vera e propria cabina di regia contro i furti nelle campagne.

Antenore Cervi, presidente della Cia di Reggio Emilia e coordinatore di Agrinsieme al termine dell’incontro ha commentato: “Per quanto riguarda i furti nei caseifici, Reggio ha la percentuale più alta nel Comprensorio di produzione: sarà perché il nostro formaggio è più buono?”. Fuor di battuta, per il presidente Cia “È necessario intensificare il lavoro di sorveglianza ed il raccordo tra forze impegnate a contrasto, quindi è importante che si continui ad operare con la cabina di regia e si accresca il coordinamento tra le varie forze dell’ordine”.

Nel corso dell’incontro, cui oltre ai rappresentanti del comparto agricolo erano presenti S.E. il Prefetto Raffaele Ruberto, il Questore ed i comandanti dei presidi reggiani di Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, il sindaco del capoluogo ed il presidente della Provincia, è stato fatto il punto sui furti nei campi, in particolare nei caseifici: secondo quanto riportato, siamo di fronte solo ad un lieve incremento numerico rispetto allo scorso anno, ma cambiano le modalità operative: vengono sottratti piccoli quantitativi con azioni molto rapide che rendono inefficace anche la prevenzione passiva con sistemi di allarme. Il consiglio – in primo luogo ai caseifici – è di collegare l’allarme stesso anche ai carabinieri, per accelerare le possibilità d’intervento. Quanto al prodotto rubato, si ritiene vanga spacciato fuori dalla zona d’origine.

“Da parte mia – conclude Cervi – ho denunciato il fatto che i furti siano fatti da soggetti che dimostrano eccesso di sicurezza d’impunità; in qualche caso sono tornati sul posto una volta cessato il primo allarme, in altri hanno mostrato arroganza nei confronti dei derubati. Quanto alla refurtiva, la tracciabilità attuata su un prodotto come il Parmigiano Reggiano può consentire di rintracciare il formaggio rubato; infine, il periodo prossimo alle festività natalizie consiglia di tenere particolarmente alta l’attenzione contro nuovi furti”.

A questo intervento del presidente, possiamo aggiungere il caso, che abbiamo avuto occasione di approfondire, di Mauro Torelli, un socio di cui nei mesi scorsi abbiamo già parlato alcune volte. Si tratta di un produttore ortofrutticolo che attua la vendita diretta nei mercatini e dispone di due strutture fisse ai margini di strade; in particolare in una di queste strutture, nel giro di pochi mesi ha dovuto lamentare ben 5 furti, tutti di non grandissima entità ma con danni alla struttura stessa. Inoltre, ha subito un numero imprecisa di razzie nei dintorni, con anche la sottrazione di una pompa per l’acqua che serviva ad irrigare l’orto retrostante. Anche la vigilanza notturna – segnala – che passa sostanzialmente un paio di volte, non serve a scoraggiare i ladri.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat