“Produrre con tante variabili è sempre più difficile” - Agrimpresaonline Webzine

“Produrre con tante variabili è sempre più difficile”

pomodoro raccolta

di Erika Angelini

FILO di ARGENTA (FE) – Dopo un’annata positiva, incrinata solo in parte da una concentrazione di maturazione nell’ultimo periodo di raccolta, i produttori del distretto del pomodoro da industria ferrarese si interrogano sul futuro del comparto. Abbiamo chiesto a Samuele Leonelli, giovane imprenditore agricolo che coltiva 45 ettari di pomodoro nell’argentano, quali sono le prospettive della filiera e se vale ancora la pena puntare sul prodotto.“Ottenere quantitativi di pomodoro adeguati e una qualità che consenta di coprire i costi di produzione è una sfida costante, che le condizioni climatiche e i prezzi degli ultimi anni hanno reso ancora più difficile. Penso, ad esempio, alle “bomba d’acqua” improvvise che sono la principale causa del marciume apicale o ai fenomeni siccitosi. Ma, nonostante queste problematiche, spesso senza soluzione, il nostro è un distretto che può ancora generare reddito e dare soddisfazioni ai produttori.

produttori di pomodoro

A mio avviso dobbiamo, innanzitutto, produrre sempre meglio e sempre di più. Sembra un’ovvietà, ma in questa filiera, dove sicuramente l’industria impone prezzi e regole, occorre lavorare per ottenere gradi brix elevatissimi e usare pratiche agronomiche che facciano arrivare la produzione almeno a 800 q/ha. A questi due fattori si deve aggiungere, naturalmente, un prezzo concordato più equo, che dovrebbe essere almeno di 90 euro al quintale. Utopia? Certo, è molto difficile perché generare qualità richiede investimenti e fa lievitare i costi di produzione.

Abbiamo alternative? Io credo di no e penso che sia l’unico modo di continuare a tenere vivo questo comparto nel ferrarese. Per il momento le aziende che tradizionalmente investono in pomodoro resistono, magari diminuendo un po’ le superfici, ma dobbiamo pensare a un futuro fatto di innovazione, di pratiche agronomiche sempre più efficaci, di strumenti assicurativi realmente “protettivi”. E, naturalmente, dobbiamo lottare per ottenere prezzi che siano remunerativi per le aziende agricole”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat