Governo del territorio in un documento quadro di Nuova Agricoltura e Comune - Agrimpresaonline Webzine

Governo del territorio in un documento quadro di Nuova Agricoltura e Comune

Dicembre 2016

Alessandra Giovannini

IMOLA – È stato presentato, il 9 dicembre, all’istituto agrario Scarabelli, il documento quadro “Agricoltura e governo del territorio”, l’insieme di linee di programma redatte da Comune di Imola e Nuova Agricoltura srl, con l’obiettivo di pensare in maniera partecipata e concreta allo sviluppo di uno dei comparti fondamentali per il futuro del territorio.

Base di partenza è il piano di sviluppo territoriale dell’agosto/settembre 2015 e molte sono le opportunità, a partire dai fondi comunitari 2014/2020. Il documento pone l’attenzione sull’opportunità di incentivare questo driver con un progetto di ristrutturazione dell’ex convitto dello Scarabelli, in modo da farlo diventare un polo di ricerca avanzato per lo sviluppo agroalimentare. Tra gli aspetti interessanti anche la valorizzazione dell’albicocco, l’interazione fra turismo e agricoltura, un ragionamento nuovo sulla sostenibilità delle agroenergie e l’utilizzo delle nuove tecnologie.

“A metà gennaio è prevista la convocazione di un tavolo operativo per dare vita a un progetto che abbia una valenza simile a quello della Manufacturing Zone – ha spiegato l’assessore comunale allo Sviluppo economico Pierangelo Raffini -. Questo progetto pensato con Nuova Agricoltura, lo considero un patrimonio della città, del territorio, delle imprese agroalimentari e vorrei che fosse attuato con tutti gli stakeholders interessati a lavorare affinché si realizzi”.

“È un progetto che si rivolge a una pluralità di attori e che permette di mettere in rete piccole e medie imprese, che potranno cogliere opportunità importanti dalle quali sarebbero altrimenti escluse – ha continuato Roberto Fenati di Nuova Agricoltura -. La cabina di regia dovrà coordinare comitati di progetto specifici, che entreranno nell’operatività in una logica di programmazione integrata”. “Lo Scarabelli non poteva non essere partner – ha concluso il preside Gian Maria Ghetti -. Per il nostro futuro la valorizzazione del convitto, solo parzialmente utilizzato dal 2009, è fondamentale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat