Grano duro, azioni speculative hanno fatto scendere i prezzi - Agrimpresaonline Webzine

Grano duro, azioni speculative hanno fatto scendere i prezzi

mietitura

Claudio Ferri

Le rese del grano duro, da Nord a Sud, hanno subito una contrazione, più accentuata nel Mezzogiorno – con punte di oltre il 50% – mentre è meno marcata la flessione in Emilia Romagna, con differenze tuttavia tra gli areali produttivi: rispetto alle medie annuali si va da un meno 15% della pianura di Bologna fino ad un meno 25% nel ferrarese.

I prezzi, inizialmente soddisfacenti, hanno tuttavia subito un condizionamento da fenomeni speculativi. “Quest’anno si è prodotto in Italia un 40-50% in meno di grano duro – osserva Franco Rinaldi, cerealicoltore e membro della Commissione cereali della Borsa merci di Bologna – ma ci sono delle speculazioni innescate artificiosamente.

Notizie che, riferendosi a statistiche produttive in Canada che segnalavano incrementi di raccolto e di buona qualità, hanno influenzato il mercato, e di conseguenza i prezzi. I buyer hanno quindi rallentato gli acquisti – prosegue Rinaldi – determinando poca richiesta a fronte di una offerta consistente, con il risultato di innescare un eccessivo ribasso dei listini nonostante ci sia poco grano duro”.

Le quotazioni sono tuttavia soddisfacenti e alla Borsa merci di Bologna del 21 luglio la flessione è stata contenuta

Molti cerealicoltori, in una annata in cui hanno dovuto affrontare alti costi di produzione, intendono vendere parte della produzione per rientrare, almeno parzialmente, nelle spese sostenute.

“Nell’ultima borsa merci (del 21 luglio, ndr) la flessione dei prezzi è rallentata – segnala Rinaldi, che conduce una azienda a Castenaso – e il calo è stato contenuto: parliamo di 5 euro a tonnellata contro 30 del 14 luglio. Stiamo tuttavia ‘viaggiando’ su prezzi che ruotano attorno ai 500 euro a tonnellata”.

Il frumento duro quest’anno è di ottima qualità e non presenta problemi sanitari.
“Anche se con peso specifico non eccellente, riscontriamo valori in termini di proteine che sfiorano percentuali anche del 18% – precisa infine Rinaldi – e sono certo che il nostro prodotto non avrà nulla da invidiare a quello canadese”.

Agrimpresa online - Registrazione: tribunale di Bologna n. 6773 del 2 marzo 1998 - email: agrimpresa@cia.it - tel. 0516314340
Direttore responsabile: Claudio Ferri - Presidente: Cristiano Fini - Editore: Agricoltura è vita scarl
via Bigari 5/2 - 40128 - Bologna - P.iva 01818021204

WhatsApp chat